Bambini randagi nella Russia sovietica (1917-1935)

Con Luciano Mecacci e Gian Piero Piretto

La Rivoluzione del 1917, la guerra civile e la carestia produssero in Russia centinaia di migliaia di bambini orfani, abbandonati o in fuga dalle loro famiglie per disperazione (erano chiamati besprizornye, «senza tutela»). Per sopravvivere mendicavano, rubavano, uccidevano, si prostituivano, mentre cercavano di dimenticare gli orrori della loro vita nella vodka e nella droga. Un problema sociale risolto drasticamente dal 1935 in poi con la prigione e i lager. Per decenni nell’Unione Sovietica è stato un argomento tabù: ne discutono lo psicologo Luciano Mecacci e il russista Gian Piero Piretto.


Aggiungi al tuo Calendario:

17/11/2019 17:00:00 17/11/2019 18:15:00 Europe/Rome BOOKCITY: Bambini randagi nella Russia sovietica (1917-1935) Con Luciano Mecacci e Gian Piero Piretto - <p>La Rivoluzione del 1917, la guerra civile e la carestia produssero in Russia centinaia di migliaia di bambini orfani, abbandonati o in fuga dalle loro famiglie per disperazione (erano chiamati besp Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, viale Pasubio 5, Milano BOOKCITY MILANO segreteria@bookcitymilano.it false MM/DD/YYYY

STORIA E ATTUALITÀ