L'ossessione pop delle icone nel Design

Con Alessandra Coppa, Balthazar Pagani, Giampiero Bosoni, Massimo Iosa Ghini e Charley Vezza

Come è possibile che oggetti di uso comune, prodotti in serie attraverso procedimenti industriali, siano diventati oggi oggetto di culto definiti genericamente, ma significativamente, di design? E come è possibile che molti di questi oggetti non servano a ciò per cui sono stati progettati, come nel celebre caso dello spremiagrumi di Philippe Starck? In questo volume ironico, affascinante, curioso e provocatorio, Alessandra Coppa intervista i designer che hanno fatto la storia e, accompagnata da testi critici, e da uno splendido repertorio fotografico, cerca di rispondere alle domande più scomode e irriverenti sul senso del design, nella sua versione pop. Nel farlo l’autrice, insieme ai suoi interlocutori, racconta con passione il processo d’ideazione e gli oggetti che, nel tempo, sono diventati “manifesti” di un nuovo modo di vivere il quotidiano, capaci addirittura di anticipare nuovi habitat. Oggi questi oggetti iconici sono parte delle collezioni di design dei più importanti musei del mondo, come il Moma di New York o il Victoria & Albert Museum di Londra. Creazioni come Proust, la coloratissima poltrona scultura che trattiene lo spirito della Recerche, Anna G, il cavatappi dalle sembianze di una sorridente ballerina, Singer, la sedia scomoda per gli ospiti indesiderati, e ancora i cactus che si rivelano attaccapanni, e le bocche giganti che sono, in verità, divani, ci calano in una dimensione in cui nulla è come sembra e dove innovazione sociale, magia e poesia s’intrecciano, generando un effetto di meraviglia e spiazzante stupore.


Aggiungi al tuo Calendario:

17/11/2019 17:00:00 17/11/2019 19:00:00 Europe/Rome BOOKCITY: L'ossessione pop delle icone nel Design Con Alessandra Coppa, Balthazar Pagani, Giampiero Bosoni, Massimo Iosa Ghini e Charley Vezza - <p>Come è possibile che oggetti di uso comune, prodotti in serie attraverso procedimenti industriali, siano diventati oggi oggetto di culto definiti genericamente, ma significativamente, di design? E Triennale Milano, viale Alemagna 8, Milano BOOKCITY MILANO segreteria@bookcitymilano.it false MM/DD/YYYY