Svergognando la morte

Con Sergio Ferrentino, Raffaele Roberto Farina, Francesca Vettori, Claudio Moneta, Daniele Ornatelli, Cecilia Broggini, Gabriele Calindri, Roberto Recchia e Michela Atzeni

«Nel nostro codice c’è scritto che i figli si possono staccare da un padre assassino, non c’è scritto che si possono togliere a un padre perché è uno zingaro» Nel '39, quando l’odio verso certi popoli segnava il mondo, molti rom si erano rifugiati in Svizzera prendendo la cittadinanza elvetica per non essere espulsi e sottoponendosi ad alcuni obblighi: mandare i figli a scuola, pagare le tasse, prestare servizio militare. Tra loro c’era Lubo, che durante la leva riceve una notizia terribile: i figli sono stati rapiti e la moglie, cercando di proteggerli, è stata uccisa. Questa non è violenza, è legge. Un giudice ha sancito che una famiglia rom non può garantire condizioni igienico-sanitarie adeguate alla crescita dei bambini, assegnando i piccoli al progetto Kinder der Landstrasse, attivo in Svizzera dal 1926 al 1973. La singolare vendetta di Lubo risponde alla violenza con l’amore, ma finirà col generare altro odio. Prenotazione obbligatoria: info@fonderiamercury.it – 02 36571080.

Di Sergio Ferrentino con Francesca Vettori, Raffaele Farina, Claudio Moneta, Daniele Ornatelli, Cecilia Broggini, Gabriele Calindri, Roberto Recchia, Michela Atzeni musiche originali di Geza Hosszu-Legocky.


Aggiungi al tuo Calendario:

15/11/2019 21:00:00 15/11/2019 22:15:00 Europe/Rome BOOKCITY: Svergognando la morte Con Sergio Ferrentino, Raffaele Roberto Farina, Francesca Vettori, Claudio Moneta, Daniele Ornatelli, Cecilia Broggini, Gabriele Calindri, Roberto Recchia e Michela Atzeni - <p>«Nel nostro codice c’è scritto che i figli si possono staccare da un padre assassino, non c’è scritto che si possono togliere a un padre perché è uno zingaro» Nel '39, quando l’odio verso certi pop Fonderia Napoleonica, via Thaon di Revel 21, 20159 Milano BOOKCITY MILANO segreteria@bookcitymilano.it false MM/DD/YYYY