"C'era una volta una bambina...": poetica e pragmatica dello sguardo educativo

Con Paolo Cesari, Laura Formenti, Silvia Luraschi, Martino Negri, Fausta Orecchio e Andrea Prandin. In collaborazione con GRASS, Philo (Centro Culturale, Milano) e con la casa editrice Orecchio Acerbo

Gli albi illustrati attirano, seducono, gettano il lettore in una confusione generativa, lasciando tracce indelebili di comprensione profonda. Definirli "per bambini" è riduttivo: il loro linguaggio poetico-estetico nutre da sempre gli sguardi e le pratiche di educatori ed educatrici, insegnanti, genitori, come vorremmo raccontare e far vivere in questa tavola rotonda dall'andamento seminariale. Il piccolo grande albo illustrato "Love" sarà quindi il pretesto per una conversazione a più voci coordinata da Laura Formenti, con piccoli esercizi visivo-estetici per il pubblico, guidati da: - Martino Negri, docente di Letteratura per l’infanzia; - Andrea Prandin, pedagogista, autore di albi illustrati e formatore; - Silvia Luraschi, counselor sistemica e ricercatrice critico-estetica, che offrirà al pubblico la possibilità di una lettura "in movimento" del testo; - Fausta Orecchio e Paolo Cesari della casa editrice Orecchio Acerbo che racconteranno il progetto editoriale e l'accoglienza del pubblico più ampio per questo testo in particolare e per questo genere di letteratura.


La prenotazione all'evento è obbligatoria

L'accesso agli eventi sarà possibile solo con Certificazione Verde COVID 19 (denominata Green Pass) valida. Sarà necessario indossare correttamente la mascherina per tutta la durata degli eventi.

libri


Love, Lowell A. Siff, Orecchio acerbo

Aggiungi al tuo Calendario:

18/11/2021 10:30:00 18/11/2021 11:30:00 Europe/Rome BOOKCITY: "C'era una volta una bambina...": poetica e pragmatica dello sguardo educativo Con Paolo Cesari, Laura Formenti, Silvia Luraschi, Martino Negri, Fausta Orecchio e Andrea Prandin. In collaborazione con GRASS, Philo (Centro Culturale, Milano) e con la casa editrice Orecchio Acerbo - <p>Gli albi illustrati attirano, seducono, gettano il lettore in una confusione generativa, lasciando tracce indelebili di comprensione profonda. Definirli "per bambini" è riduttivo: il loro linguaggi Università degli Studi di Milano-Bicocca, Piazza dell'Ateneo Nuovo 1 BOOKCITY MILANO segreteria@bookcitymilano.it false DD/MM/YYYY