Portare l’Africa nella nostra scuola: per una società più consapevole

Con Anna Di Sapio, Cristiana Fiamingo, Gianluca Gabrielli, Luca Jourdan, Marina Medi e Karin Pallaver

La crisi pandemica e la declinazione italiana della campagna #BlackLivesMatter si sono intrecciate nel nostro Paese: la dipendenza dal lavoro immigrato, nel frangente dei reiterati lockdown, ha reso ancor più smaccata l’ipocrisia di un relativo benessere garantito dallo sfruttamento del “bisogno” dell’altro e di un “altro”, in particolare, che, nella maggioranza dei casi, proviene dal nostro emisfero Sud. Sono emerse azioni, voci, esigenze che mirano a denudare l’ipocrisia della convenienza nel nome delle radici e delle responsabilità storiche di una “alterità” siffatta. Competenze dall’ambito accademico e scolastico si sono adoperate per dare soprattutto un supporto fattivo alla Scuola nella costruzione di una coscienza nel “dopo” di ciò che rischia di essere reiterato all’infinito: infatti, i due volumi al centro del dibattito si prestano quali strumenti per lo smantellando di pregiudizi relativi al continente africano, facendo leva sulle esperienze del passato nazionale.

Evento a prenotazione obbligatoria | Diretta online


La prenotazione all'evento è obbligatoria

L'accesso agli eventi sarà possibile solo con Certificazione Verde COVID 19 (denominata Green Pass) valida. Sarà necessario indossare correttamente la mascherina per tutta la durata degli eventi.

libri


Il colonialismo italiano in Africa. Tra passato e presente, , Creative Commons
Parlare d’Africa, Luca Jourdan, Karin Pallaver, Carocci

Aggiungi al tuo Calendario:

19/11/2021 15:30:00 19/11/2021 16:30:00 Europe/Rome BOOKCITY: Portare l’Africa nella nostra scuola: per una società più consapevole Con Anna Di Sapio, Cristiana Fiamingo, Gianluca Gabrielli, Luca Jourdan, Marina Medi e Karin Pallaver - <p>La crisi pandemica e la declinazione italiana della campagna #BlackLivesMatter si sono intrecciate nel nostro Paese: la dipendenza dal lavoro immigrato, nel frangente dei reiterati lockdown, ha res Università degli Studi di Milano, Via Conservatorio, 7 BOOKCITY MILANO segreteria@bookcitymilano.it false DD/MM/YYYY