A chi scriverebbe oggi Armin Wegner?

Ente Promotore

Fondazione Gariwo, la foresta dei Giusti

Scuole di riferimento

Superiori

Fascia di età

14-15 anni, 16-18 anni

Dedicato a

Progetto aperto

Luogo

Online

Numero massimo iscrizioni

1

Obiettivi e descrizione progetto

Discussione a partire dal libro La lettera a Hitler di Gabriele Nissim, sulla forza comunicativa della lettera per dar voce ai propri valori. Armin Wegner è stato riconosciuto Giusto per gli armeni e per gli ebrei, per aver compiuto atti di coraggio durante i due genocidi del ’900. Amava pungolare i leader mondiali richiamandoli ad ascoltare la loro coscienza. Per farlo usava scrivere lettere, come strumento per dare voce alle sue proteste. Credeva che le parole potessero cambiare il corso della Storia. Si è rivolto ai potenti della Terra, tra cui ad esempio Wilson e Mussolini. La sua lettera più famosa è quella scritta ad Hitler, in cui chiese di porre fine immediata all’intolleranza e alle persecuzioni contro gli ebrei, sottolineando la deriva morale a cui il Paese stava andando incontro. A chi scriverebbe oggi Armin Wegner e quali argomenti userebbe? Userebbe ancora la lettera, appassionata, oppure altri strumenti, più sintetici ed immediati? Al termine dell’incontro gli studenti potranno scrivere la loro lettera, a partire dalla loro esperienza personale o da quanto leggono sui giornali.

Tempistiche

Un incontro, da concordare con la scuola

Materiali messi a disposizione dall’ente promotore

Approfondimenti su www.gariwo.net

Risultati Attesi

Le lettere di oggi, scritte dagli studenti partecipanti all’incontro

Libro e Autore

La lettera a Hitler, Gabriele Nissim, Mondadori, 2015

Posti esauriti